Alcune persone hanno capelli secchi “di natura” ovvero per fattori genetici. Molto spesso però, anche capelli normali possono inaridirsi a causa di aggressioni esterne: piastra, sole, salsedine, vento e trattamenti chimici possono intaccare la cheratina di cui sono composti e renderli stopposi e fragili. Scopriamo come porvi rimedio in questa mini guida su capelli secchi rimedi naturali.

Capelli secchi cause: genetica o cattive abitudini?

Come accennato le cause dei capellis ecchi si possono suddividere in due categorie:

  • genetica: la secchezza può essere causata da uno squilibrio nella produzione di sebo. Il sebo infatti avrebbe anche la funzione di idratare il cuoio capelluto. Quando scarseggia, la fibra capillare si inaridisce e perde la sua elasticità. Di conseguenza i capelli diventano spenti e opachi.
  • cattive abitudini: l’uso di bigodini, piastra, phon troppo caldo inaridisce i capelli, così come le decolorazioni o altri trattamenti aggressvi. Nel periodo estivo poi, la vita all’aria aperta espone le chiome a sole, salsedine del mare, vento o cloro se si va in poscina. Il risultato? A fine estate anche chi ha capelli normalmente robusti si può ritrovarli stopposi e ribelli.

Ovviamente la prima cosa da fare è agire d’anticipo, proteggendo i capelli in spiaggia con cappelli o foulard in materiali naturali. E, dopo bagni di sole o in piscina, rigenerare le chiome con impacchi a base di oli naturale, come argan  o jojoba.

Ma se ormai il danno è fatto, cosa possiamo fare per rigenerare i nostri capelli inariditi o naturalmente un po’ secchi? Vediamo dunque alcuni rimedi naturali per capelli secchi.

Capelli secchi rimedi naturali: agire su due fronti

Per affrontare con successo il problema dei capelli secchi e crespi, occorre una strategia mirata e molta costanza. Putroppo i danni fatti alla cheratina non si possono riparare in pochi giorni.

L’azione rigenerante deve interventire su due fronti. Ecco come.

Rigenerale i capelli dall’esterno: 5 mosse utili

Ecco 5 buone regole da seguire per rivitalizzare capelli secchi e sfibrati.

1) Basta cattive abitudini

Sarebbe bene mettere al bando le cattive abitudini o almeno limitarle (piastra, arricciacapelli, phon a temperatura massima).

2) Tagliare le punte

Se dopo l’estate le lunghezze delle chiome sono molto danneggiate ma non volete rinunciare ai capelli lunghi, provate almeno a tagliare un po’ le punte rovinate. Meglio capelli un po’ meno lunghi ma in salute, che una capigliatura lunghissima ma tutta rovinata.

3) Attenzione al lavaggio

Evitate se possibile lavaggi troppo frequenti. Se proprio non potete fare a meno di lavarvi i capelli ogni giorno, scegliete uno shampoo delicato e rinforzante per capelli fragili, a base di ortica. Usa poco shampoo e diluiscilo sempre con un po’d’acqua prima di applicarlo. E almeno una volta a settimana, fate un impacco o con un olio naturale (de tenere in posa anche la notte sui capelli asciutti con una cuffia) o con un balsamo specifico.

4) No al risciacquo con acqua troppo calda

Chi ha i capelli secchi di natura dovrebbe evitare i risciacqui con acqua troppo calda. Questo perché il calore apre ulteriormente le squame dei capelli peggiorando l’espetto crespo e sfibrato. Peggio ancora se l’acqua ha un elevato contenuto di calcare. L’ideale sarebbe usare acqua fresca, ancor meglio se al suo interno è stato diluito un cucchiaio di aceto di mele.

5) Prodotti per il fissaggio con cautela

Gel, lacche e schiume possono irritare il cuoio capelluto. Inoltre, fanno aderire maggiormente ai capelli polvere e impurità e non facendoli respirare li rendono ancora più aridi.

Rigenerare i capelli dall’interno

Se i capelli non ricevono il giusto nutrimento e tutte le sostanze utili per ripristinare la cheranina, torneranno difficilmente in forma. Ecco allora 3 semplici regole per nutrire i capelli secchi anche dall’interno.

1) Alimenti antiossidanti

Frutta e verdura fresche di stagione sono fondamentali per la vitalità di tutto il corpo, inclusa quella dei capelli! In particolare è bene consumare ogni giorno fonti di vitamina C ed E, anche se spesso il cibo da solo non basta a garantirsi dosi sufficienti di queste vitamine.

2) Acidi grassi essenziali (Omega3 e Omega6)

Anche arricchiere la dieta di acidi grassi essenziali (Omega3 e Omega6) può essere d’aiuto per rigenerare capelli sfigrati. Gli Omega3 in particolare sono componenti della menbrane cellulari, cui apportano nutrimento (comprse le membrane del bulbo pilifero).

3) Integrazione specifica

Come accennato spesso l’alimentazione non basta a fornirci tutte le vitamine e minerali essenziali per la salute dei nostri capelli. Questo perché le cotture, i metodi di conservazione e anche coltivazione di molti cibi riduce la quantità di nutritivi al loro interno.

Quando si parla di capelli crespi rimedi naturali è dunque bene pensare anche a un’integrazione specifica. Prodotti completi sono quelli che mettono a disposizione vitamine minerali e piante per il benessere dei capelli, unitamente a cheratina e MSM, componenti fondamentali della loro fibra.

Capelli secchi rimedi naturali: conclusioni

È dunque possibile affrontare in modo naturale il problema dei capelli secchi e sfibrati. Ovviamente sono necessari costanza e un po’ di tempo, per mettere in pratica alcuni consigli e rinunciare alle abitudini sbagliate.

L’uso prolungato, anche per alcuni cicli all’anno, di un integratore specifico, sarà d’aiuto anche a chi ha capelli secchi per natura. Chiome nutrite e vitali diventeranno così il vostro biglietto da visita.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche…

TRICO LINE NUTRITIVA