Giorgini Dr. Martino

Skip to Main Content »

You're currently on:

Gli originali grani Veravis

  • Nel giugno del 1977 il Dott. Giorgini inventa i primi grani chiamati inizialmente GRANI DI SALUTE o PILLOLE DI LUNGAVITA® e poi conosciuti come VERAVIS®
  • Nel giugno del 1977 il Dott. Giorgini inventa i primi grani chiamati inizialmente GRANI DI SALUTE o PILLOLE DI LUNGAVITA® e poi conosciuti come VERAVIS®

Oggi la tradizione dei grani
viene portata avanti…

… seguendo alti standard
qualitativi e utilizzando i
macchinari più avanzati

I grani per favorire il transito sono il primo “nato” tra i prodotti Dr. Giorgini e ancora oggi tra i più venduti

I grani Veravis® sono stati i primi prodotti della linea Giorgini Dr. Martino e rappresentano tutt'oggi l'integratore più richiesto in Italia, tra i rimedi naturali, per la regolarità intestinale.

Nelle erboristerie, nel 1977, si vendevano unicamente tisane di erbe da preparare a casa mediante infusione nell'acqua.
Il Dr. Giorgini pensò quindi di concentrare un estratto di erbe fino alla densità del miele e di mescolarlo poi con foglie di Senna polverizzate, per ottenere una sorta di “spaghettone”, da tagliare poi in grani.

Il coltello per tagliare la pasta è stato oggi sostituito dalla lama di una macchina, ma i grani sono rimasti immutati rispetto a quando il Dr. Giorgini e i suoi genitori li preparavano con le loro mani.


Perché è così importante supportare la regolarità del transito intestinale?

Un regolare transito intestinale risulta indispensabile per il mantenimento del benessere del nostro corpo.
Il sistema digerente è fondamentale per il nostro organismo, in quanto deputato alla digestione, all’assorbimento delle sostanze nutritive e all’eliminazione delle parti degli alimenti non digerite, come per esempio le fibre vegetali.

Le fibre vegetali sono il principale “alimento” della flora batterica intestinale, la quale svolge diverse funzioni importanti, tra cui:

  • produrre sostanze necessarie al sistema immunitario e al nutrimento delle cellule intestinali;
  • produrre acido lattico, per creare un ambiente sfavorevole ai batteri putrefattivi.

Se le fibre vegetali sono insufficienti e le feci stagnanti, può capitare che questi batteri prendano il sopravvento: vengono così meno le sostanze nutrienti e quelle necessarie al sistema immunitario e, addirittura, possono essere prodotte sostanze tossiche (cadaverina, putrescina ecc.). Questi prodotti della putrefazione inevitabilmente dal colon passano al sangue con l’assorbimento dell’acqua.

Il sangue trasporta le tossine al fegato, che neutralizza questi veleni e li rimette in circolo per farli poi eliminare dai reni, dalle ghiandole sudoripare e dalle varie mucose.
Il fegato fa il suo lavoro, ma si tratta di lavoro extra che stanca e, con il passare del tempo, può esaurire.
Il sangue deve invece trasportare al fegato anche le tossine (cataboliti) provenienti da tutte le cellule del corpo, che devono essere neutralizzate e poi eliminate.
Ma il sangue potrebbe non avere sufficiente spazio per caricare questi “scarti”, se sta già trasportando quelli intestinali.

Come conseguenza di questo meccanismo, le tossine (veri e proprio escrementi cellulari) cominciano ad accumularsi nelle varie parti del corpo e, nel tempo, possono causare l'insorgenza di un numero piuttosto elevato di malesseri.

Da quanto detto si comprende l'importanza di ripulire l’intestino e sostituire i batteri putrefattivi con i batteri acido lattico fermentanti.

LEGGI LE RECENSIONI SUL PRODOTTO >>
Iscriviti per ricevere: