Giorgini Dr. Martino

Skip to Main Content »

You're currently on:

Giorgini Dr. Martino

Una vita tra studio, passione e innovazione

Dalla laurea, all'apertura dell'erboristeria, il lungo percorso verso la produzione industriale

Il Dr. Giorgini, conseguita la laurea in biologia all'Università degli Studi di Bologna, decide di approfondire le proprie conoscenze nell'ambito della fitoterapia.
Sfrutta quindi la posizione della propria abitazione, in aperta campagna, e inizia a raccogliere erbe. Poco dopo decide di aprire un'erboristeria: è il lontano1977 quando il Dr. Giorgini inaugura il suo negozio a Cervia e lo chiama Vis Medicatrix Naturae (La forza guaritrice della natura).

In quel periodo le erboristerie erano solite vendere ai Consumatori esclusivamente erbe sfuse, da utilizzare a casa per la preparazione di tisane. Il Dr. Giorgini comprende quindi la necessità di rendere più pratico ed efficace l'utilizzo delle piante medicinali anche mediante un ritorno all'utilizzo degli estratti. Gli estratti però erano stati abbandonati dai farmacisti nel dopo-guerra, quindi, all'epoca, non erano più disponibili in commercio.

Il Dr. Giorgini comincia così a studiare con grande passione nuovi metodi di preparazione per l'assunzione di erbe.
Da questi studi nascono i primi prodotti “pronti all'uso”: liquidi, pastiglie, e i famoso grani di Veravis.

Dopo 7 anni di intenso lavoro nell'erboristeria, il Dr. Giorgini decide di avviare la produzione industriale, trasferendosi a Marradi, sulle colline tosco-romagnole.
Da allora, il Dr. Giorgini ha continuato incessantemente a lavorare con passione, approfondendo anche speciali metodologie, per rendere unici e inimitabili i prodotti dell'Azienda:

  • inventa metodi innovativi di lavorazione (Metodo Alchemico® Spagyrico®).
  • disegna nuove macchine per l’estrazione;
  • progetta impianti sottovuoto per ottenere il massimo della qualità e sicurezza;
  • inventa più di 1000 prodotti;
  • progetta macchine per raccogliere la rugiada (da utilizzare nelle lavorazioni dei prodotti);
  • inventa un metodo per purificare l’alcool disponibile in commercio;
  • scrive poesie, canzoni e tiene 40 conferenze.


Recuperare saperi antichi per metterli al servizio di prodotti innovativi

 Il Dr. Giorgini nel corso degli anni ha inoltre recuperato saperi ormai quasi dispersi, ripercorrendo all'indietro nel tempo gli antichi studi scientifici:

  • parte dai principi attivi ottenuti per sintesi chimica (senza l'uso delle piante) del ʾ900;
  • studia le separazioni dei principi attivi dagli estratti vegetali dell'800;
  • prende in esame gli estratti del ʾ700 e la separazione dei cinque principi del ʾ600;
  • arriva infine al concetto di spirito universale del ʾ500.

Il Dr. Giorgini ha scoperto così che il passaggio dall’alchimia alla chimica non è stato frutto di una lenta evoluzione (come raccontano tutti i libri di storia della chimica), ma un cambiamento improvviso avvenuto a metà del ʾ600 all’Università di Parigi: la nuova teoria scientifica tralascia lo spirito universale, pur riconoscendolo, affermando che le cose sono composte da ciò che è racchiuso sotto i sensi e che la teoria della natura deve essere comprensibile per tutti.
Rilanciare la teoria vitalistica degli Antichi diventa, da quel momento, l’obiettivo di vari scienziati, ma la Dea ragione, ogni volta, ha il sopravvento.

Il Dr. Giorgini inizia a chiedersi se il prezzo pagato dalla scienza al tecnicismo non sia stato quello di aver dimenticato che è la materia a derivare dalla luce e non il contrario.
Allestisce quindi un laboratorio di ricerca allo scopo di dimostrare l’esistenza e la funzione dell’energia di vita, nonché le sue implicazioni e applicazioni pratiche per la salute e il benessere dei suoi numerosi e affezionati Estimatori.

Iscriviti per ricevere: