Vi siete mai chiesti se esistono rimedi naturali per i capelli crespi e perché si manifesta questo problema? Scopriamo insieme le cause dei capelli crespi e le giuste contromisure da adottare!

In questo articolo affronteremo in particolare i seguenti argomenti.

Quali sono le cause dei capelli crespi?

Raramente le donne sono soddisfatte dei loro capelli: chi li ha ricci li vorrebbe dritti “a spaghetto”, mentre chi può vantare un liscio naturale, sogna capelli mossi e vaporosi. Su un aspetto però c’è unanime accordo: a nessuno piacciono i capelli crespi.

I fattori che possono rendere i capelli secchi e crespi sono diversi, tra questi ricordiamo:

N

Fattori ereditari/genetici

Una delle cause dell’effetto crespo è il sollevamento delle squame che rivestono la parte esterna del capello,  spesso dovuto a fattori ereditari.

N

Colorazioni o trattamenti aggressivi

Le permanenti e le colorazioni con ammoniaca danneggiano la struttura esterna del capello, che di conseguenza presenta un aspetto sciupato e crespo.

N

Fattori fisici

Un’alimentazione troppo restrittiva, stress eccessivo o problemi di salute si riflettono inevitabilmente anche sull’aspetto dei capelli, che risultano sfibrati e spenti.

N

Clima

Un’alimentazione troppo restrittiva, stress eccessivo o problemi di salute si riflettono inevitabilmente anche sull’aspetto dei capelli, che risultano sfibrati e spenti.

10 regole e rimedi naturali per i capelli crespi

Chi ha i capelli crespi di natura non può aspettarsi da un giorno all’altro risultati miracolosi.

Tuttavia, dedicando alle chiome le giuste attenzioni quotidiane e applicando alcuni rimedi naturali per i capelli crespi, è possibile ottenere un miglioramento evidente del loro aspetto.

Ecco alcuni suggerimenti per contrastare l’effetto crespo ed avere capelli più sani e setosi.

1) Attenzione a lavaggi e prodotti

Evitate lavaggi troppo frequenti e con prodotti aggressivi. Se per abitudine si lavano i capelli quasi tutti i giorni, diluire lo shampoo con un po’ d’acqua.

2) Balsamo? Mai senza!

Usate sempre un balsamo, che aiuti a disciplinare e pettinare i capelli. Se temete che il balsamo possa appesantire i capelli, passatelo solo sulle lunghezze, evitando la cute.

3) Provate l'aceto di mele

Risciacquate i capelli con aceto di mele. A fine lavaggio, potete provare a fare l’ultimo risciacquo dei capelli con un cucchiaio di aceto di mele diluito in una tazza grande di acqua appena tiepida.

4) Asciugate i capelli con delicatezza

Dopo il lavaggio, non strofinate troppo i capelli con l’asciugamano per asciugarli. Meglio limitarsi a strizzarli a mani nude o, in alternativa, usare i teli appositi da parrucchiere, fatti con fibre dall’elevato potere assorbente.

5) La scelta del pettine

Pettinate il meno possibile i capelli bagnati e, quando lo fate, usate solo pettini in legno a denti larghi per evitare di strapparli e danneggiarli.

6) Occhio al calore del phon

Quando asciugate i capelli, optate per un livello di calore intermedio ed evitate di tenere il phon troppo vicino. Per non sfibrare troppo i capelli è bene anche usare con parsimonia la piastra per lisciarli.

7) Burro di karitè

Usate il burro di karitè. Almeno una volta alla settimana (se possibile più spesso), fate una maschera pre shampoo, sui capelli inumiditi,  applicando il burro di karitè sulle lunghezze e tenendolo in posa almeno una ventina di minuti. In alternativa, è possibile usare anche olio di jojoba o di mandorle dolci.

8) Olio di argan

Olio di argan sulle punte. Per disciplinare i capelli secchi e crespi, potete passare sulle lunghezze, o solo sulle punte, qualche goccia di olio di argan. Quest’olio, oltre a nutrire il capello, lo rivestirà di un film protettivo e limiterà l‘effetto crespo.

9) Proteggete i capelli dal sole

Proteggete sempre i capelli quando vi esponete per lungo tempo al sole, per evitare che si secchino. È consigliabile usare un foulard, un capello o un cappellino in fibre naturali.

10) No ai trattamenti aggressivi

Limitate i trattamenti aggressivi, come permanenti o tinture. Cercate di ridurre il più possibile l’utilizzo di gel, lacche o schiume, che a lungo andare potrebbero seccare ulteriormente i capelli.

L’aiuto degli integratori

Se i capelli risultano sfibrati a causa di un’alimentazione poco corretta, carente di vitamine e nutritivi, è bene innanzitutto correggere e riequilibrare la dieta.

Un aiuto determinante in più in questi casi può arrivare anche dall’assunzione di un integratore specifico, a base di piante e nutritivi utili per favorire il benessere dei capelli, come equiseto, bambù, rame, zinco, selenio e biotina.

La presenza di MSM nella formula può essere un ottimo aiuto aggiuntivo: questa sostanza contiene infatti zolfo organico altamente biodisponibile e quindi più facilmente assimilabile.

Lo zolfo è un elemento essenziale per il nostro organismo e svolge un ruolo fondamentale soprattutto nei tessuti che devono avere resistenza ed elasticità. Si tratta quindi di un componente decisivo per la formazione della cheratina, per questo è consigliato per sostenere l‘integrità di unghie e capelli.

ARGAN