Si parla sempre più spesso di rimedi naturali per dormire, soprattutto in primavera ed estate. Sono questi, infatti, i i classici periodi in cui si fa più fatica a prendere sonno o si dorme di meno per svariate ragioni.

Per alcune persone, tuttavia, la difficoltà ad addormentarsi può diventare un problema ricorrente e trasformarsi, in alcuni casi, in vera e propria insonnia. Questa patologia, caratterizzata da una riduzione delle ore di sonno per notte, può essere di tre tipologie:

  • Insonnia iniziale: quando si ha difficoltà a prendere sonno e si rimane svegli fino a tardi, nei casi più gravi addirittura fino all’alba.
  • Insonnia centrale: quando ci si sveglia più volte nell’arco della notte e si fatica a riaddormentarsi.
  • Insonnia tardiva: quando ci si sveglia eccessivamente presto al mattino, anche nei giorni festivi, senza averne un motivo.

Occorre ricordare che la percezione dell’insonnia è assolutamente soggettiva: le ore di sonno che un individuo percepisce come sufficienti per sentirsi riposato, a un altro possono risultare inadeguate.

L’insonnia può essere causata da vari fattori, molti dei quali legati a motivazioni emotive o psicologiche. Vediamoli insieme.

Insonnia: quali sono le cause?

Prima di scoprire quali sono i rimedi naturali per dormire è importante comprendere le principali cause dell’insonnia.

insonnia-rimedi-naturali-per-dormire

  • Ansia e stress sono al primo posto. Spesso infatti sono le nostre preoccupazioni a non farci dormire: dal lavoro alla scuola; dalla famiglia alla salute. Ma anche eventi traumatici, come la perdita di una persona cara, possono provocare insonnia. Una notte insonne, inoltre, può innescare un circolo vizioso perché ci porta ad avere paura di non riuscire ad addormentarci anche nelle notti seguenti. Il risultato è, paradossalmente, quello di non riuscire a dormire sul serio!
  • I cambiamenti repentini delle abitudini sono al secondo posto. Ma cosa intendiamo? Sono le variazioni alla nostra routine quotidiana, come un viaggio, un trasloco o un cambio di turni lavorativi. Questi cambiamenti infatti possono sconvolgere i nostri ritmi di sonno-veglia e causare insonnia.
  • Infine uno stile di vita scorretto può innescare diversi disturbi del sonno. Un esempio ci viene dato dal consumo eccessivo di caffè, fumo e alcol; dall’abitudine di andare a dormire tardi e a orari non regolari; dall’alimentazione pesante e dalla cena a serata inoltrata.

Salva

Salva

Le 7 regole per dormire bene

Esclusi i casi in cui siano presenti patologie specifiche o forme di dipendenza (per i quali è bene ricorrere al medico di fiducia), il rispetto di 7 semplici regole può aiutare chi abitualmente accusa difficoltà a prendere sonno. Ecco cosa fare e cosa evitare prima di andare a dormire.

rimedi-naturali-per-dormire

1) Mantenere ritmi regolari

Un valido consiglio per dormire bene è cercare di mantenere il più possibile ritmi regolari. Andare a dormire quasi sempre alla stessa ora, infatti, aiuta la cosiddetta “sveglia biologica”, ma contribuisce anche a fare prendere sonno più facilmente.

2) No a fumo, cibi pesanti o "eccitanti"

Evitate di mangiare cibi pesanti poco prima di coricarvi e di consumare alimenti “eccitanti” come cioccolato, tè, caffè, bibite contenenti guaranà o ginseng. Limitate il più possibile il fumo, oltre che per tutelare la salute generale, anche perché la nicotina ha un effetto stimolante.

caffè-rimedi-naturali-per-dormire

3) Sì a bagni caldi e relax

Per favorire il rilassamento, fare un bagno caldo prima ci andare a letto è l’ideale! Vi aiuterà a rilassare i muscoli e a sciogliere lo stress accumulato durante il giorno. È il vostro momento: cercate di liberare la mente dalle preoccupazioni della giornata e godetevelo!

4) Scollegatevi dal mondo!

Tv, cellulari, computer e tablet andrebbero banditi dalla camera da letto! Queste fonti luminose, infatti, inibiscono il rilascio di melatonina, ormone che regola il ciclo sonno-veglia.

telefono-insonnia

Come viene spiegato in un articolo della Fondazione Umberto Veronesi, inoltre, le onde magnetiche ed elettriche di questi dispositivi causano un’iperattività del cervello e una conseguente maggiore difficoltà ad addormentarsi. Provate a spegnere il telefono tre ore prima di andare a letto e ad aprire un buon libro, vedrete quanto vi sentirete più rilassati!

5) Parola d'ordine: movimento!

Una sedentarietà eccessiva può favorire la cattiva qualità del sonno o una certa difficoltà ad addormentarsi. Un po’ di regolare movimento, infatti, è utile anche per contrastare lo stress, uno dei principali fattori esterni che possono provocare disturbi del sonno.

6) Attenzione alla dieta

Anche un’alimentazione troppo restrittiva o, peggio, il digiuno, possono essere controproducenti. Il senso di fame generato dall’ipoglicemia può infatti a sua volta aumentare il tempo necessario per addormentarsi.

cibo-rimedi-naturali-per-dormire

7) Il migliore alleato? Un buon materasso!

Per favorire la qualità del sonno, può essere d’aiuto la scelta di un materasso idoneo, e l’utilizzo di lenzuola e abbigliamento in fibre naturali. La temperatura ideale della camera da letto, inoltre, non deve essere né troppo fredda né troppo calda. Alcuni studi indicano che la temperatura ideale dovrebbe essere attorno ai 18-20 gradi e non scendere mai sotto i 16!

I rimedi naturali per dormire

Un aiuto in questi casi può arrivare anche dalla fitoterapia che ci fornisce diversi rimedi naturali per dormire.

Un valido regolatore del ritmo sonno veglia è la melatonina, che agisce infatti come una sorta di “orologio biologico”. Ecco perché, se le difficoltà a prender sonno sono dovute in particolare a cambiamenti delle abitudini, è possibile assumere melatonina per dormire.

Una valida alternativa è rappresentata dagli estratti di alcune piante, utili anche per contrastare l’eccesso di stress che spesso è alla base dei disturbi del sonno. Tra le piante più usate in fitoterapia ricordiamo la camomilla, la valeriana, la passiflora, luppolo, escolzia griffonia.

passiflora-per-dormire

Queste erbe possono essere assunte sotto forma di estratti singoli, ma per un effetto sinergico e una maggiore efficacia è anche possibile ricorrere a integratori complessi. Nella formula di questi prodotti, sono sfruttate in sinergia piante che uniscono un’azione rilassante e proprietà anti stress, utili per sostenere il benessere mentale e, di conseguenza, favorire “sogni d’oro”.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche…

domropiu