La dieta mima digiuno, elaborata dal ricercatore Valter Longo, è forse la dieta del momento, ma in cosa consiste? E quali sono i suoi benefici?  Scopriamoli insieme.

Il Time lo ha soprannominato “Guru della lunga vita” e il calabrese Valter Longo, professore di biogerontologia e direttore dell’Istituto sulla longevità presso l’University of Southern California, con la sua dieta si propone di raggiungere proprio questo obiettivo.

Non stiamo parlando infatti della classica dieta volta esclusivamente al dimagrimento, come spiega il ricercatore nel suo libro La dieta della longevità:

 “Si tratta di riprogrammare il corpo in modo tale da farlo entrare in una modalità di invecchiamento più lento, ma anche di ringiovanirlo attraverso una rigenerazione che si basa sulle cellule staminali. Non si tratta né di un digiuno radicale né di una dieta tipica perché non è continuativa”.

 (Valter Longo, “La dieta della longevità”, Vallardi Editore, 2016)

LO SCHEMA DELLA DIETA MIMA DIGIUNO

I benefici della dieta mima digiuno sono ricordati anche in un articolo pubblicato sul sito della Fondazione Veronesi. Inoltre la rivista Cell Metabolism ha pubblicato uno studio che confermerebbe l’azione antiossidante e di rinnovamento cellulare di questo regime alimentare.

dieta mima digiuno

La dieta mima digiuno se adottata periodicamente aiuterebbe a “resettare il corpo”.
Sembra infatti che digiunando per brevi periodi e ripetendo la dieta ogni 3-6 mesi, sia possibile aiutare le cellule a rigenerarsi. 

Non solo: la dieta contribuirebbe inoltre a proteggere l’organismo da malattie croniche legate all’invecchiamento.

La cosiddetta “dieta della longevità” dovrebbe essere rispettata per 5 giorni e in realtà non è un vero e proprio digiuno. Questa dieta infatti prevede un basso contenuto proteico con la seguente restrizione calorica.

  • Il primo giorno si devono assumere circa 1000 calorie di cui 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine.
  • Nei 4 giorni successivi le calorie si riducono ulteriormente fino a raggiungere le 750: 47% carboidrati, 44% grassi e 9% proteine.

Salva

LA DIETA MIMA DIGIUNO “FAI DA TE”

Online è possibile trovare kit preconfezionati che aiutano a seguire per 5 giorni la dieta mima digiuno. In realtà, però, si può portare a termine la dieta anche senza ricorrere direttamente al kit.

dieta mima digiuno

In questo caso, almeno la prima volta, è consigliabile affidarsi ad un medico esperto in digiuno per definire il corretto schema alimentare. Inoltre è fondamentale rispettare le seguenti regole:

  1. Mangiare poche proteine e prediligere carboidrati complessi provenienti dalle verdure o dal pane integrale. Ridurre la frutta introdurre tanti legumi e olio d’oliva.
  2. Consumare pesce dalle 2 alle 3 volte a settimana, preferendo quello ad alto contenuto di omega 3 e/o vitamina B12.
  3. Via libera ai grassi insaturi buoni contenuti ad esempio nel salmone, nelle noci, nelle mandorle, nelle nocciole e nell’olio d’oliva. È invece necessario ridurre o eliminare gli zuccheri aggiunti, esclusi quelli che derivano dalla frutta.

Ma quando di dovrebbe mangiare? È consigliato iniziare dopo le 8.00 e finire prima delle 20.00. È inoltre preferibile non ingerire nulla durante le 3-4 ore prima di andare a dormire.

I 5 giorni della dieta mima digiuno, secondo il Dottor. Longo, potrebbero essere poi ripetuti più volte nel corso dell’anno. La dieta può infatti essere rifatta ogni 3/6 mesi, in base alle esigenze personali, alla circonferenza addominale e allo stato di salute della singola persona.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche…

 

mima digiuno