Che cos’è l’equilibrio acido-base e perché è importante

Negli ultimi tempi si sente molto parlare di dieta alcalina e dell’importanza di mantenere in equilibrio il pH del nostro organismo. Ma davvero basta la dieta per correggere un pH troppo acido? E come alcalinizzare il corpo di fronte a un eccesso di acidità?

La popolarità di questo argomento è tale che ad essa sono stati dedicati vari articoli apparsi anche nelle sezioni specializzate di quotidiani a tiratura nazionale.

Troppo spesso, però, si tende a semplificare l’argomento o a fare un po’ di confusione. Nei successivi paragrafi cercheremo di spiegare con chiarezza che cosa si intende con il termine “equilibrio acido-base” e come alcalinizzare il corpo quando questo equilibrio viene alterato da un eccesso di acidità.

Sostanze acide e basiche: qual è la differenza?

equilibrio acido basico del corpoLe sostanze finalizzate alla costruzione e al funzionamento dell’organismo umano sono decisamente numerose: aminoacidi, zuccheri, acidi grassi, vitamine, minerali ecc.; oltretutto, ciascuna di queste svolge un ruolo preciso nel corpo. Tutte queste sostanze possono essere classificate in due grandi gruppi: sostanze basiche (chiamate anche alcalinizzanti) e sostanze acide.

Con caratteristiche opposte, ma complementari, gli acidi e le basi sono entrambi fondamentali per lo stato di salute dell’organismo: quando queste sono presenti in quantità uguale si viene a creare una stabilità che viene detta “equilibrio acido-base”.

Salva

Salva

Salva

Che cos’è il pH?

La differenza tra acidi e basi consiste nella loro capacità di liberare o di attirare ioni idrogeno; l’unità di misura del grado di acidità o di alcalinità di un organismo viene definito pH ovverosia la potenza (p) di liberare ioni idrogeno (H).

La scala di misura del pH va da 0 a 14 e la cifra 7 indica l’equilibrio tra acidi e alcalinizzanti (pH neutro): infatti, l’organismo funziona meglio quando l’ambiente interno presenta un pH di 7.39, quindi leggermente alcalino.

Salva

Salva

Salva

L’importanza dell’equilibrio per l’organismo umano

L’organismo umano per mantenersi in salute ha bisogno di equilibrio quindi l’eccessiva presenza di sostanze acide o sostanze basiche può creare danno alla salute. In particolare, mentre gli acidi liberano nell’organismo un numero cospicuo di ioni idrogeno, gli alcalinizzanti sono in grado di neutralizzarli.

Per  mantenersi in salute il nostro organismo dovrebbe quindi mantenere valori del pH il più vicini possibile alla “neutralità”.

L’equilibrio acido-basico è dunque un elemento fondamentale per il nostro benessere, che può tuttavia essere alterato da alcuni fattori, interni o esterni. Vediamo assieme quali.

I “danni” di un eccesso di acidità

come alcalinizzare il corpoMolte delle funzioni necessarie a produrre energia e a mantenerci in vita generano di per sé “acidità”. Questa acidità tuttavia, in una situazione di normalità, viene “neutralizzatadal corpo.

Si pensi, per esempio, alle scorie metaboliche generate dal metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine: molte di queste sono acide e un loro mancato smaltimento e il conseguente accumulo può, nel tempo, causare uno stato di “acidosi”.

Le conseguenze di un eccesso di acidità possono dunque essere insidiose per il nostro organismo. Per questo motivo è bene sapere come alcalinizzare il corpo quando l’equilibrio acido-basico viene alterato.

Oltre all’alimentazione, i fattori che possono contribuire a creare questo squilibrio sono:

  • stress;
  • consumo di alcol e sigarette;
  • farmaci;
  • inquinamento ambientale.

 

Quali sono i rischi di uno squilibrio?

Acidi e basi sono sostanze con caratteristiche opposte e se vengono abbinate assieme le loro proprietà si annullano “dando vita” a un sale neutro. Solitamente gli alcalinizzanti impiegati dall’organismo per neutralizzare gli acidi si trovano un po’ in tutto il corpo: in primo luogo nel sangue e secondariamente negli organi. Se quest’azione avviene sporadicamente, gli alcalinizzanti ceduti vengono sostituiti senza problemi mediante gli apporti alimentari di aminoacidi e minerali basici.

alcalinizzare il sangueIl problema si presenta quando si ricorre spesso al sangue e agli organi per ottenere le basi: in questo caso, gli organi sono sottoposti a stress e si va incontro a una demineralizzazione. A causa dello stile di vita errato e dell’alimentazione scorretta e squilibrata, questa sollecitazione è sempre più frequente. Questa dinamica può “indebolire” il nostro corpo e favorire lo sviluppo di diverse malattie e di molti problemi di cui soffrono le persone.

Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva

Quali sono gli acidi più dannosi?

 

Ogni giorno veniamo in contatto, in maniera più o meno inconsapevole, con sostanze acide o basiche. Gli acidi raramente esistono in forma indipendente o isolata ma sono spesso legati alle basi. Gli acidi possono essere divisi in due categorie:

  • acidi deboli (in prevalenza, carboidrati e proteine vegetali che contengono acido citrico). Questi vengono espulsi principalmente sotto forma di gas dai polmoni;
  • acidi forti (proteine animali). Questi sono rigettati dai reni tramite le urine (acido urico) e dalla pelle tramite le ghiandole sudoripare (per questo il sudore ha un sapore acido quando finisce involontariamente in bocca).

È bene distinguere tra acidi forti e deboli, poiché i primi sono molto più difficili da neutralizzare e la loro evacuazione impegna e affatica in modo notevole fegato e reni.

Come misurare il pH

È possibile calcolare il valore del pH delle urine anche a casa propria (servendosi di apposite cartine di tornasole reperibili in farmacia) ed eventualmente sottoporlo all’attenzione del medico. Per farlo è sufficiente posizionare sotto il flusso di urina la cartina di tornasole, che dopo poco cambierà colore.

Accostando la cartina al grafico fornito assieme al kit, dove a ciascun colore corrisponde un valore, sarà possibile misurare il pH. Per eseguire una misurazione accurata, è bene calcolare una media dei valori ottenuti misurando il pH 3 volte al giorno per 5 volte la settimana. Il valore di pH ottimale per l’urina è compreso tra 6,5 e 7,2.

Come alcalinizzare il corpo e risolvere la prevalenza di acidi

Come abbiamo visto l‘equilibrio acido basico è fondamentale per il benessere dell’intero organismo. Il corpo lavora ogni giorno (anche durante il sonno) per neutralizzare in modo veloce ed efficace sbalzi di acidità o basicità (stati che condurrebbero alla morte).

In realtà, dunque, spiegare come alcalinizzare il corpo, oltre che impossibile, è controproducente per la salute. Quello che possiamo fare è, invece, “alleggerire” il lavoro dell’organismo e aiutarlo a mantenere in equilibrio il pH senza dover fare un super lavoro.

Perché assumere integratori alcalinizzanti

Come dobbiamo quindi comportarci? Come sempre, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale: maggiore è l’assunzione di alimenti alcalinizzanti (verdure crude, frutta fresca, mandorle, miglio, succo di limone, miele…), minore sarà il rischio di squilibri.

Tuttavia, a volte, l’alimentazione da sola non è sufficiente, a causa dei ritmi frenetici della vita moderna, dell’abitudine/necessità di consumare pasti già pronti; in questi casi  è possibile ricorrere a integratori alcalinizzanti, che possono aiutare il corpo a neutralizzare gli  acidi in accesso. Questi prodotti a base di aminoacidi basici e sali minerali alcalini possono dare un concreto supporto a chi si domanda come alcalinizzare il corpo per riequilibrare il pH.

Tali integratori, ricchi di sali minerali alcalini e aminoacidi basici, hanno inoltre la capacità di alleviare «i sintomi dolorosi o fastidiosi derivanti dall’eccesso di acidi» (C. Vasey, L’equilibrio acido-base, Vicenza 2015).

Equilibrio acido-base e gotta

alcalinizzare il corpo per limitare il rischio di gottaQuando l’organismo deve, per un lungo periodo, neutralizzare moltissimi acidi, esso priva i tessuti delle loro ultime riserve di alcalinizzanti. Quando queste riserve non vengono ristabilite in modo adeguato, il tessuto organico viene privato di minerali basici necessari alla vita e il metabolismo non funziona più correttamente.

Se si verifica una situazione di iperacidità vuol dire che manca un equilibrio tra acidi e basi nel corpo. Un problema come la gotta insorge sempre più spesso ed «è causata da un esubero dell’acido urico» (H. Knophius, Equilibrio acido basico, Roma 2008).

Salva

Salva

Salva

Salva

Favorire l’equilibrio acido-base con la dieta alcalina

Come abbiamo visto, anche una corretta alimentazione può contribuire ad “aggiustare” un eccesso di acidità presente nel nostro organismo. Scegliere  consapevolmente gli alimenti in base al loro grado di acidità o alcalinità è dunque importante ma a volte poco intuitivo.

Per molti potrebbe infatti risultare sorprendente sapere che cibi dal sapore “dolce”, come per esempio il cioccolato, il miele trattato o i cereali in generale (avena, orzo, farro e mais), hanno in realtà un discreto potere acidificante.

L’acidità o l’alcalinità degli alimenti si valuta, infatti, sulla capacità acidificante o alcalinizzante delle loro ceneri al momento dell’assorbimento in fase digestiva o a livello intestinale.

come alcalinizzare il corpo

L’obiettivo di una dieta “alcalinizzante” non dovrebbe essere quello di eliminare determinati alimenti, quanto piuttosto la ricerca di un giusto equilibrio.

Se, per esempio, ci rendiamo conto di assumere in prevalenza cibi acidificanti, potremmo tentare di inserire nella nostra alimentazione alcuni cibi alcalinizzanti. Sarebbe bene dare la preferenza, o tentare di inserire con frequenza nella dieta, alimenti alcalinizzanti quali, per esempio, verdure a foglia verde, patate, zucchine, cavolfiore, piselli, legumi e pesci come tonno, trota ecc. Altri alimenti dotati di un buon potenziale alcalino sono frutti come i limoni, uva, mirtilli, kiwi, banane, albicocche ed ananas.

Sarebbe invece bene limitare alimenti o bevande acidificanti, come latticini e derivati del latte, carni, zucchero raffinato, caffè, cioccolato e vino rosso.

Ovviamente, come tutte le diete, anche quella alcalina non va intesa in senso punitivo o privativo, ma intende suggerire corretti comportamenti alimentari, utili ad alleggerire il lavoro del corpo nel mantenere in equilibrio il pH del nostro corpo.

Salva

Salva

DOWNLOAD SPAGYRICA

  • Articoli recenti
F. Stefanini Administrator
Redattrice, Blogger, SEO expert | Dr. Giorgini
follow me

Laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Bologna (2000), con successiva specializzazione in Relazione e comunicazione coi media (2001).

Ha maturato una decennale esperienza nel settore editoriale, occupandosi di correzione bozze, editing, revisione e gestione di progetti di scolastica tecnica scientifica.

Si è occupata della stesura di articoli divulgativi sulle tematiche del benessere e della prevenzione per la rivista “Professione salute” dell’editore Blumill srl.

Ha collaborato come consulente esterno con Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), occupandosi dello sviluppo contenuti per le tematiche di rendicontazione per la versione online del bilancio sociale dell’Associazione (2014).

Attualmente si occupa della gestione dei profili social per l’azienda Giorgini Dr. Martino, della scrittura di articoli Seo oriented e della produzione dei contenuti per altri materiali di comunicazione online e offline (newsletter, landing page, bugiardini ecc.).