Il termine generico artrite indica una serie di patologie o condizioni cliniche che hanno in comune l’infiammazione di una o più articolazioni. Ma cosa scatena questa infiammazione? Ed esistono piante specifiche per limitarla e non farsi bloccare? In questa mini guida su artrite cause e aiuti naturali, risponderemo a questi e altri dubbi.

In particolare ci occuperemo dei seguenti argomenti.

Dalla reumatoide alla psorisiaca: i tipi di artrite

I tipi di artrite esistenti sono numerosi, ma alcuni sono certamente più comuni di altri. L’artrite reumatoide e l’osteoartrite sono le forme più diffuse a livello mondiale.

Esistono però anche una forma di artrite gottosa (favorita da un accumulo di acido urico) e una psorisiaca (associata alla psoriasi).

Questa patologia degenerativa è in ogni caso tra quelle più impattanti a carico del sistema articolare.

Vanno inoltre ricordate anche forme più rare di artrite, come il lupus eritematoso, la spondilosi anchilosante o la fibromialgia.

Si stima che negli Stati Uniti, 1 adulto su 5 soffra di una qualche forma di artrite. L’Italia non è da meno: come indicato in alcuni dati Istat, artrosi e artrite colpiscono nel nostro Paese il 15,9% della popolazione.

Artrosi e artrite: la differenza

L’artrosi, nota anche come osteoartrite o osteoartrosi, è una patologia che si sviluppa in seguito al progressivo consumo delle cartilagini che rivestono le articolazioni. I fattori di rischio sono età avanzata, obesità, infortuni articolari e l’appartenenza al sesso femminile.

L’artrite reumatoide, così come altre forme di artrite meno comuni, è invece una malattia autoimmune a carattere infiammatorio.  Essa è generata da un mal funzionamento del sistema immunitario. Fattori di rischio possono essere la predisposizione genetica, il fumo, l’età e il contatto con alcuni patogeni.

Artrite sintomi

L’artrite colpisce prevalentemente le articolazioni di polsi, mani, piedi e caviglie. A volte si può manifestare anche a livello di spalle, gomiti e collo e, persino, mandibola.

Questa patologia se non affrontata per tempo può portare anche a conseguenze invalidanti.

Il sintomo principale dell’artrite è la rigidità dell’articolazione e una sua progressiva perdita di mobilità.  Ad essa si possono associare dolore, gonfiore e rossore. Nelle fasi avanzate si può arrivare a deformazioni ossee.

Artrite cause: il ruolo del sistema immunitario

Quando si parla di artrite a carattere infiammatorio si fa riferimento a un gruppo di malattie autoimmuni (su tutte, l’artrite reumatoide).

Queste patologie sono quindi provocate da un’aggressione del sistema immunitario alle articolazioni. 

Ma com’è possibile? Si pensa che un fattore ambientale possa “ingannare” le difese del nostro corpo, dirottando le cellule del sistema immunitario verso i tessuti delle articolazioni anziché contro un agente potenzialmente nocivo.

Questo “attacco” crea un processo infiammatorio che, a sua volta, dà origine a gonfiore dell’articolazione e a dolore.

Il liquido dell’infiammazione provoca infatti il rilascio di alcune sostanze chimiche in grado di danneggiare la cartilagine, i tendini e i legamenti.

Con il passare del tempo, l’articolazione si deforma e, talvolta, viene distrutta dalla malattia.

Altre cause dell’artrite

Il processo infiammatorio caratteristico dell’artrite può avere anche altre cause. Per esempio, può essere scatenato da un eccessivo carico dell’articolazione o da un colpo violento (tipologia traumatica).

Anche un’alimentazione errata può essere un fattore scatenante. L’eccesso di grassi, carboidrati complessi e alcol favorisce un accumulo di acido urico, causa dell’artrite gottosa.

Artrite sintomi: 5 aiuti naturali per ripartire

Dopo aver parlato di artrite cause e fattori di rischio, vediamo ora le possibili contromisure naturali a disposizione.

Come visto, l’artrite è una patologia potenzialmente invalidante, se trascurata.

Ecco perché è bene prevenirla e affrontarla alle prima avvisaglie, con il supporto di specialisti e, anche, con alcune sostanze ed aiuti naturali.

Vediamo i più efficaci.

1) Boswellia

Una pianta sempre più usata in fitoterapia per il benessere articolare è la boswellia. La conferma definitiva delle sue proprietà è piuttosto recente.

In un articolo apparso nel giugno 2011 su La Stampa – Salute, si legge che alcuni ricercatori della Cardiff University School of Biosciences hanno scoperto una rara specie di incenso, la Boswellia frereana in grado di alleviare i dolori da artrite.

Proprietà molto simili sono oggi attribuite anche a un’atra varietà di boswellia, la serrata, utile in presenza di infiammazioni e tensioni localizzate.

2) Artiglio del diavolo

L’artiglio del diavolo è forse la pianta più nota e usata per sostenere il buon funzionamento articolare.

La sua assunzione costante può anche aiutare ad affrontare alcuni sintomi tipici dell’artrite.

Infatti, con l’impiego dell’artiglio del diavolo «si manifesta un’importante diminuzione del dolore nei processi infiammatori cronici a carico delle articolazioni» (E. Campanini, Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Milano 2012).

3) Frassino

Il frassino è una pianta che può essere usata da sola o in sinergia con altre per “difendere” le articolazioni.

L’estratto delle foglie di frassino è infatti usato nella «eliminazione degli acidi urici, […] nella cura delle affezioni reumatiche» (F. Perugini Billi, Manuale di fitoterapia, Azzano San Paolo 2004)

4) Olmaria e wintergreen

Queste due piante trovano un impiego come sinergici per sostenere il buon funzionamento delle articolazioni.

Hanno proprietà abbastanza simili e in particolare l’olmaria «viene tradizionalmente usata nel trattamento sintomatico delle manifestazioni articolari dolorose minori» (E. Campanini, Op. cit.).

5) Vitamina D

Vista la complessità di fattori che causano l’artrite per questa patologia non esiste al momento una terapia risolutiva.

Ecco perché è fondamentale una buona attività di prevenzione. Da questo punto di vista può essere d’aiuto anche la vitamina D.

A questo proposito, anche uno studio apparso sulla «Autoimmunity Review» nel 2007, si focalizza sull’importanza della vitamina D per aiutare a prevenire l’artrite reumatoide (M. Cutolo, K. Otsa, M. Uprus, S. Paolino, B. Seriolo, Vitamin D in rheumatoid arthritis, «Autoimmunity Review», VII (1), 2007, pp. 59-64).

L’assunzione di vitamina D, favorendo l’assorbimento di calcio, sembra possa dunque ritardare la comparsa della patologia (soprattutto quando c’è familiarità).

Artrite cause e rimedi: conclusioni

Come abbiamo visto, non c’è al momento una vera e propria cura per le forme autoimmuni di artrite.

Esistono però alcune piante, presenti nella formula di integratori specifici, che aiutano ad affrontare meglio i sintomi dell’artrite, alleviando le limitazioni della mobilità.

La prevenzione e la diagnosi precoce restano i primi strumenti a nostra disposizione per evitare uno sviluppo  grave e invalidante della patologia.

Oltre a ricorrere ad aiuti naturali, è bene seguire una dieta bilanciata, ricca di Omega3, fare regolare movimento e limitare il sovrappeso.

Fondamentale, infine, è affidarsi a controlli medici regolari, da uno specialista (reumatologo o ortopedico).

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche…

reuvis