Fin dall’antichità poche cose hanno stimolato l’attenzione e la fantasia degli uomini come la possibilità di individuare metodi per riaccendere l’eros e la passione. Ma esistono gli afrodisiaci naturali? E cosa c’è di vero sul potere leggendario di certe sostanze? Scopriamolo assieme.

Che cosa si intende per afrodisiaco?

Con il termine “afrodisiaco” si intende qualunque sostanza atta a eccitare lo stimolo sessuale.

Oggi, questo vocabolo è in parte usato per indicare quei prodotti finalizzati al sostegno di alcune funzioni della sfera affettivo-sessuale dell’uomo e della donna.

È però bene distinguere i cosiddetti e leggendari “filtri d’amore” dalle erbe che vantano proprietà utili a “risvegliare i sensi”. E che come tali possono essere considerate, in un certo senso, afrodisiaci naturali.

I cosiddetti afrodisiaci naturali: cosa aspettarsi realmente?

Mettiamo subito in chiaro un aspetto: non esistono rimedi miracolosi per stimolare o aumentare il desiderio e la potenza sessuale.

Ci sono però piante e nutritivi che possono avere azioni specifiche, utili anche alla sfera sessuale, come:

  • migliorare la circolazione sanguigna negli organi genitali;
  • esercitare un’azione tonica;
  • aumentare la produzione di testosterone nel sangue (per esempio, lo zinco);
  • promuovere una normale fertilità;
  • favorire la spermatogenesi (grazie al selenio).

Grazie alle azioni sopra indicate, le persone si sentiranno più in forma, e ne trarrà giovamento anche la sfera sessuale.

Inoltre, il supporto alla produzione di determinati ormoni (come il testosterone), svolto da alcuni nutritivi può avere effetti positivi anche sulle prestazioni sessuali maschili.

Tutti questi vantaggi avranno un effetto a cascata positivo nel desiderio erotico (per la donna) e nello stimolo del centro di erezione (per l’uomo).

5 aiuti naturali per la sfera sessuale

A quali piante e nutritivi sono riconosciute le proprietà sopra citate? Vediamo le più usate in fitoterapia e le loro azioni riconosciute.

N

Damiana

La damiana è una pianta tradizionalmente usata nel Centro e Sud America per la sessualità sia maschile che femminile.

Il suo estratto svolge un’azione tonica utile per contrastare la stanchezza fisica e mentale. Secondo alcuni può dare benefici in presenza di ansia sessuale.

Per questi motivi «è tradizionalmente utilizzata come stimolante delle funzioni sessuali, della libido e delle prestazioni sessuali» (F. Firenzuoli, Le 100 erbe della salute, Milano 2003).

N

Muira puama

La muira puama ha proprietà simili a quelle della damiana (queste due piante sono talvolta usate in sinergia nella formula di integratori per il benessere maschile). Il suo estratto ha un’azione antiossidante e tonica.

Questa pianta, grazie alla presenza dell’alcaloide muirapuamina, è considerata «un ottimo stimolante sessuale» (C. Valnet, L’erborista, I, Rifreddo 2015) .

Inoltre sembrerebbe aiutare «il vigore e il desiderio sessuale sia nell’uomo sia nella donna» (C. Valnet, Ibidem).

N

Maca peruviana

La maca peruviana è usata da lungo tempo dalle popolazioni andine, per le sue elevate proprietà nutritive.

Non a caso le radici di questa pianta sono considerate un vero e proprio supercibo.

Nelle zone d’origine alla maca è attribuita anche un’azione positiva sulla fertilità e potenza maschile. Queste proprietà non trovano però al momento conferme scientifiche definitive.

N

Tribulus

Il Tribulus (Tribulus terrestris) vanta una lunga tradizione nella medicina indiana e cinese per il trattamento di problematiche relative alla sfera sessuale.

Varie ricerche hanno indagato la possibile azione di questa pianta sull’impotenza, l’infertilità maschile e i disturbi della libido femminile. I frutti, usati per la preparazione di estratti, sono ricchi di saponine steroidali.

Tra queste si segnala la protodioscina che agirebbe nell’organismo favorendo l’aumento della produzione di vari ormoni «come testosterone, diidrotestosterone, ormone luteinizzante (LH), […] con conseguente aumento della spermatogenesi, maggiore volume eiaculatorio e maggiore libido» (M. Spattini, Alimentazione e integrazione: per lo sport e la performance fisica, Milano 2016).

N

Zinco e selenio

Anche due nutritivi come zinco e selenio sono molto importanti per la fertilità e la sessualità maschile. Il selenio, infatti, può regolare la spermatogenesi (ovvero, il processo di maturazione degli spermatozoi).

Lo zinco, invece, aiuta a mantenere regolari livelli di testosterone nel sangue, importanti per la fertilità maschile. Bassi livelli di testosterone sono inoltre connessi a un calo della libido e, talvolta, a disfunzione erettile.

Tra le fonti più ricche di zinco figurano le ostriche e il cioccolato. Forse proprio per questo motivo le leggende popolari considerano questi alimenti efficaci afrodisiaci naturali.

Il consumo di questo cibi, in realtà, può forse dare benefici in termini di benessere ma non incide certo sulla libido e l’attrazione sessuale. Conferme in questo senso arrivano anche, come confermato dall’Ansa, da Linda Yarrow, professore di Nutrizione umana all’Università del Kansas.

Il mito dei cibi afrodisiaci tra verità e leggende

Nel corso dei secoli nessuna civiltà si è sottratta all’esercizio di individuare rimedi afrodisiaci utili per riaccendere la passione.

Nell’Antica Grecia erano consigliati a tal fine il tartufo e il vino. Il secondo per le sue proprietà disinibenti, anche se un’assunzione eccessiva può provocare l’effetto opposto. A questi afrodisiaci naturali i Romani aggiunsero genitali di animali noti per il temperamento “selvaggio” (come il lupo o il cervo).

Oltreoceano, invece, gli Aztechi attribuivano al cioccolato (il “cibo degli Dei”) proprietà atte a risvegliare l’appetito e il vigore sessuale. Una leggenda narra che l’antico re Montezuma fosse solito bere una bevanda calda a base di cioccolato poco prima di entrare nel suo affollatissimo harem.

Nel periodo successivo alla scoperta delle Americhe vennero introdotti nella schiera degli afrodisiaci altri alimenti di origine “esotica”, come il peperoncino e il cacao.

Secondo l’antica tradizione ayurveda la libido può essere favorita da un consumo di cibi “caldi”. Tra questi cibi troviamo spezie come cannella, zenzero e noce moscata.

Se poi si dà credito ai numerosi racconti sul tema, è veramente lunga la lista dei personaggi che si sono affidati ad aiuti naturali per migliorare la potenza sessuale e l’eros. Pare che Giacomo Casanova, per esempio, fosse solito nutrirsi di ostriche prima di ogni incontro amoroso.

Afrodisiaci naturali: conclusioni

Come accennato in precedenza, nessun aiuto naturale può avere effetti miracolosi sull’eros e la libido.

Esistono però alcune sostanze che possono avere effetti positivi su ambiti specifici della spera sessuale (produzione di testosterone, spermatogenesi, tonicità ecc.).

La loro assunzione deve però sempre andare di pari passo con un’attenta prevenzione delle disfunzioni a carico dell’apparato riproduttivo.

Sarà quindi bene rivolgersi anche a specialisti (ginecologo, andrologo e all’occorrenza sessuologo) per valutare con serenità o prevenire eventuali problematiche della sfera sessuale, di origine fisica o emotiva.

Fermo restando che spesso, il migliore tra gli afrodisiaci naturali, è il giusto mix di complicità e naturalezza, anche nell’approccio all’attività sessuale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbe interessare anche…

TRIBULUS ESTRATTO TITOLATO

  • Articoli recenti
F. Stefanini Administrator
Redattrice, Blogger, SEO expert | Dr. Giorgini
follow me

Laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Bologna (2000), con successiva specializzazione in Relazione e comunicazione coi media (2001).

Ha maturato una decennale esperienza nel settore editoriale, occupandosi di correzione bozze, editing, revisione e gestione di progetti di scolastica tecnica scientifica.

Si è occupata della stesura di articoli divulgativi sulle tematiche del benessere e della prevenzione per la rivista “Professione salute” dell’editore Blumill srl.

Ha collaborato come consulente esterno con Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), occupandosi dello sviluppo contenuti per le tematiche di rendicontazione per la versione online del bilancio sociale dell’Associazione (2014).

Attualmente si occupa della gestione dei profili social per l’azienda Giorgini Dr. Martino, della scrittura di articoli Seo oriented e della produzione dei contenuti per altri materiali di comunicazione online e offline (newsletter, landing page, bugiardini ecc.).