Sempre più spesso sentiamo ricordare l’importanza di una dieta ricca di antiossidanti naturali. Queste sostanze sono infatti utili per difendere le cellule dall’attacco dei radicali liberi e, di conseguenza, dall’invecchiamento precoce.

Ma cosa sono gli antiossidanti e come agiscono? Vediamolo assieme.

Gli alleati naturali contro i radicali liberi

La dicitura “antiossidante” è spesso usata anche come slogan pubblicitario per prodotti di bellezza, presentati come veri e propri “elisir di giovinezza”. Ma perché l’azione degli antiossidanti può essere così importante per il nostro organismo?

Il ruolo svolto dagli antiossidanti non è un’invenzione recente ed è stata sottolineata anche da un articolo pubblicato sul sito della Fondazione Veronesi.

Il contrasto dello stress ossidativo e dei radicali liberi è fondamentale non solo per preservare giovinezza del corpo, ma anche per mantenere un buono stato di salute.

Vediamo quindi cosa sono i radicali liberi e come ridurre la loro sintesi. Per poi scoprire  5 potenti antiossidanti che la natura ci ha messo a disposizione.

Radicali liberi: cosa sono e come agiscono

Tutte le cellule del nostro corpo per vivere hanno bisogno di ossigeno. Tuttavia proprio le molecole di ossigeno possono produrre, nel corso di particolari reazioni chimiche, i radicali liberi.

Ma cosa sono i radicali liberi? Si tratta di ioni prodotti dalle cellule responsabili, oltre che dall’invecchiamento precoce, anche dell’indebolimento del sistema immunitario. E un sistema immunitario debole favorisce l’insorgenza di malattie.

I radicali liberi agiscono danneggiando le strutture cellulari come le membrane plasmatiche e il DNA. Questa loro azione si ripercuote negativamente sulla salute dell’intero organismo.

Infatti «La gran parte dei ricercatori che studiano i radicali liberi ritiene che queste molecole mortali contribuiscano e provocare dall’80 al 90% delle malattie degenerative che affliggono l’umanità.» (H. Sharma, Radicali liberi. Come combatterli per prevenire l’invecchiamento e le malattie, Milano 2001).

I 5 fattori che aumentano la sintesi di radicali liberi

Possiamo quindi dire che il processo di invecchiamento cellulare, ovvero la produzione di radicali liberi, non è altro che una fisiologica conseguenza di alcune reazioni necessarie alla vita stessa delle cellule. Non è dunque eliminabile del tutto.

Esistono però alcuni fattori che possono aumentare la produzione di radicali liberi e quindi determinare un invecchiamento precoce. I fattori principali sono:

  • fumo attivo e passivo e inquinamento;
  • alimentazione sbilanciata, ricca di grassi e consumo eccessivo di alcool;
  • eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti;
  • periodi prolungati di stress psico-fisico;
  • assunzione prolungata di farmaci.

Per quanto possano essere efficaci gli antiossidanti naturali, potranno ben poco se adottiamo stili di vita scorretti!

Anche l’esercizio fisico, se praticato in eccesso, può aumentare la produzione di radicali liberi.

Tuttavia è importante segnalare che un’attività fisica bilanciata può favorire lo smaltimento degli agenti ossidanti, ottimizzando l’azione dei meccanismi di difesa del nostro corpo (antiossidanti endogeni).

Fare movimento è quindi utile anche per contrastare l’invecchiamento precoce purché non si cada in eccessi. In un certo senso lo sport può entrare a far parte degli antiossidanti naturali!

I primi segni evidenti dell’azione dei radicali liberi sono innanzitutto esterni. Può capitare di notare i loro effetti negativi sulla pelle di un fumatore o di una persona che si espone spesso ai raggi solari o alle lampade UV.

Esposizione solare e radicali liberi

In estate, circa il 20-30% dei raggi ultravioletti totali che raggiunge la superficie terrestre è ricevuto intorno a mezzogiorno.

Il 75% del totale raggiunge invece la terra tra le 9 del mattino e le 3 di pomeriggio. Durante queste ore bisognerebbe evitare di esporsi al sole senza protezione e per tempi prolungati.

I raggi solari possono infatti aumentare la normale presenza di radicali liberi, già dopo soli 15 minuti di esposizione!

Le nostre cellule possiedono un patrimonio antiossidante limitato, che non è in grado di tamponare gli effetti negativi causati da un’esposizione scorretta e prolungata.

Salva

Salva

Salva

I migliori alleati anti radicali liberi:
scegli il tuo tra questi 5 antiossidanti naturali!

Il primo passo per combattere l’eccessiva presenza di radicali liberi nell’organismo è adottare un’alimentazione sana ed equilibrata e un corretto stile di vita. Vanno quindi ridotti i fattori scatenanti dello stress ossidativo illustrati in precendenza.

Le principali fonti di antiossidanti sono gli alimenti, in particolar modo frutta e verdura.

Come ricordato anche da un opuscolo divulgativo pubblicato dal Ministero della Salute, «mangiare frutta e verdura fresche di tutti i colori ti aiuta a combattere i radicali liberi, molecole nocive che (…) sono responsabili delle malattie degenerative e dei processi di invecchiamento cellulare».

A volta, a causa dei ritmi frenetici o dei metodi di cottura adottati, non sempre riusciamo ad assumere con la sola dieta dosi di antiossidanti sufficienti.

Inoltre, fattori esterni (stress, superlavoro, assunzione di farmaci ecc) ci possono esporre a un surplus di radicali liberi.

In questi casi è possibile potenziare i meccanismi di difesa del corpo contro i radicali liberi assumendo antiossidanti naturali, sotto forma di integratori specifici.

Scegli l’antiossidante naturale preferito

Le sostanze benefiche messe a disposizione dalla natura sono davvero tante. Tra i 5 antiossidanti naturali più efficaci e sfruttati in fitoterapia ci sono sicuramente i seguenti.

1) Goji

Sono da secoli apprezzate in Oriente per le loro notevoli proprietà: stiamo parlando delle bacche di goji.

Noti anche col nome di “frutti di lunga vita“, questi potenti antiossidanti naturali «combattono l’invecchiamento cellulare, contrastando l’azione dannosa dei radicali liberi». (G. Maffeis, Açai, goji e mirtilli tre bacche miracolose, Milano 2014).

2) Melograno

I frutti della pianta pianta del melograno (Punica granatum) sono apprezzati fin dall’antico Egitto per le loro proprietà terapeutiche.

In particolare dai semi «si ricava un olio con proprietà antiossidanti ricco di vitamina C, E, acidi grassi polinsaturi» (C. Valnet, L’Erborista – Parte 2, Milano 2015).

Non a caso il frutto del melagrano in diverse culture e tradizioni è un beneaugurante simbolo di fertilità e benessere.

3) Bacche di Acai

Le bacche di acai sono il frutto dell’Euterpe oleacea, una palma originaria del Brasile ma ormai coltivata in tutto il Sud America.

I frutti di questa pianta, oltre ad essere dei potenti antiossidanti naturali, possono sostenere il metabolismo di lipidi e carboidrati. Ecco perché sono spesso usati anche come alleati delle diete dimagranti.

Infatti «a loro vengono attribuite varie proprietà curative». (F. Firenzuoli, F. Epifani,V. Severi, Dimagrire con le erbe: le proprietà e le caratteristiche essenziali di tutte le erbe che possono aiutarci a dimagrire in modo sano e naturale, Milano 2016)

4) Tè verde

Le molteplici proprietà del tè verde sono note e sfruttate da secoli. La sua fama è infatti giunta fino ai nostri giorni a partire dai tempi dell’Antica Cina.

Le foglie della pianta della Camelia sinensis, infatti, nella varietà di tè verde mantengono intatto il loro contenuto di polifenoli.

Queste sostanze, di cui il tè verde è ricco, sono «composti dal forte potere antiossidante (almeno come quello della vitamina E)». (F. Perugini Billi, Manuale di Fitoterapia, Azzano San Paolo 2008)

Inoltre, «il tè verde non solo agisce di per sé come antiossidante, ma stimola i meccanismi antiossidanti dell’organismo […]» (F. Perugini Billi, Ibidem).

5) Resveratrolo

Il resveratrolo è una sostanza appartenente alla famiglia dei composti polifenolici. Esso è presente in molte sostanze e alimenti  (gli acini d’uva, il vino, alcuni semi olesi come le arachidi).

La fonte naturale più importante di resveratrolo è però il Poligono del Giappone (Polygonum cuspidatum), molto sfrutato in fitoterapia per le proprietà antiossidanti.

In commercio sono disponibili integratori contenenti il resveratrolo estratto dal Poligono del Giappone. Nella loro formula, il resveratrolo è sfruttato in sinergia con rosa canina, semi d’uva e acerola (efficaci antiossidanti naturali) per potenziarne l’azione.

goji estratto titolato

  • Articoli recenti
F. Stefanini Administrator
Redattrice, Blogger, SEO expert | Dr. Giorgini
follow me

Laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Bologna (2000), con successiva specializzazione in Relazione e comunicazione coi media (2001).

Ha maturato una decennale esperienza nel settore editoriale, occupandosi di correzione bozze, editing, revisione e gestione di progetti di scolastica tecnica scientifica.

Si è occupata della stesura di articoli divulgativi sulle tematiche del benessere e della prevenzione per la rivista “Professione salute” dell’editore Blumill srl.

Ha collaborato come consulente esterno con Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), occupandosi dello sviluppo contenuti per le tematiche di rendicontazione per la versione online del bilancio sociale dell’Associazione (2014).

Attualmente si occupa della gestione dei profili social per l’azienda Giorgini Dr. Martino, della scrittura di articoli Seo oriented e della produzione dei contenuti per altri materiali di comunicazione online e offline (newsletter, landing page, bugiardini ecc.).